2015 - 2021

GAL - GenerAzione Legale nasce per creare consapevolezza e opportunità formative sul territorio sul tema della Legalità.

Il progetto è sostenuto dalla Regione Emilia-Romagna come buona pratica per diffondere la cultura della legalità, contrastare il crimine organizzato e mafioso e promuovere una cittadinanza sempre più responsabile nei confronti di queste tematiche.

A partire dalla Settimana della Legalità, le attività si intrecciano nei Comuni aderenti durante tutto il corso dell’anno trattando tutte le sfumature del tema come crimini fiscali, ambientali, gioco d’azzardo e criminalità organizzata, attraverso conferenze, proiezioni, incontri con testimoni, passeggiate tematiche e attività laboratoriali. Al centro dei progetti di cittadinanza responsabile ci sono le scuole con numerose attività dedicate e integrate con i programmi didattici.

Tanti gli esperti e le personalità ospitate dal GAL fra cui Enzo Ciconte, Don Luigi Ciotti, Dario Vassallo, Giovanni Chinnici, Leonardo Garnotta e Federica Angeli in momenti di confronto, pensiero ed emozione. Dal 2018 tra le attività del GAL ha preso posto anche il progetto di riqualificazione Yes We Care, che ha visto il rifacimento della piazzetta Vassallo a Fiorano, e del cortile dell’Istituto Formiggini a Sassuolo, a testimonianza di come questo progetto possa influire sui luoghi frequentati quotidianamente dalla comunità. In questo contesto si inserisce la riqualificazione da parte del Comune di Maranello di una villa confiscata alle mafie sul proprio territorio con l’intento d’adibirla a Rooms and breakfast.

L’importanza e la graduale crescita del GAL nel corso degli anni si unisce alla necessità di parlare e attivarsi in prima persona sulla promozione di buone pratiche di legalità e crescere nuove generazioni consapevoli, propositive e proattive.

GAL -don Ciotti circondato da ragazzi

Al centro dei progetti di cittadinanza responsabile ci sono  le scuole con numerose attività dedicate e integrate con i programmi didattici.

dario vassallo elly schlein tosi silingardi

19 - 26 APRILE 2021, la sesta edizione

Dopo un anno di stop forzato a causa della comparsa del Covid-19, le attività del GAL sono riprese nel 2021 con attività principalmente in streaming che hanno coinvolto studenti, amministratori e cittadini.

Le restrizioni ancora attive per cercare di contenere il diffondersi del virus hanno fatto optare per un’edizione ridotta in cui gli appuntamenti  online si sono alternati a suggerimenti di lettura di libri tematici presenti all’interno delle biblioteche comunali e di consigli di visione.

Fra i dialoghi online, il 20 marzo Dario Vassallo ha presentato il libro “La Verità negata. Chi ha ucciso Angelo Vassallo” insieme al Sindaco di Fiorano Modenese Francesco Tosi mentre in diretta dal Mabic di Maranello sono intervenuti il 21 marzo lo scrittore Alessandro Gallo e il 23 marzo il professor Enzo Ciconte intervistato dal vicesindaco di Maranello Mariaelena Millilli nonché coordinatrice regionale di Avviso Pubblico.

Fra i webinair organizzati in collaborazione con la Regione Emilia-Romagna, il 25 marzo si è parlato del tema del riutilizzo dei beni confiscati alla criminalità organizzata con la presentazione di buone pratiche con l’intervento del vicesindaco di Maranello Mariaelena Mililli insieme a Luca Vecchi, sindaco di Reggio Emilia, e Gian Guido Nobili, responsabile Area Sicurezza urbana e legalità della Regione Emilia-Romagna, mentre il giorno successivo è stato trattato il tema del Testo Unico per la promozione della legalità e per la valorizzazione della cittadinanza e dell’economia responsabili.

Programma della sesta edizione

Slide
Slide
previous arrow
next arrow
Slide
Slide
Slide
Slide
Slide
Slide
Slide
Slide
previous arrow
next arrow

9 marzo - 25 MAGGIO 2019, la quinta edizione

Legalità, diritti, ludopatie, solidarietà, cinema, teatro, sport e devianza. Questi i tanti temi affrontati durante la quinta edizione del GAL dai Comuni del Distretto Ceramico che hanno

Il ricordo delle vittime innocenti di mafia ha avuto ampio spazio con installazioni nel Comune di Maranello, l’alzabandiera con le scuole Ferrari e Carducci a Formigine e la lettura dei “nomi da non dimenticare” nei luoghi pubblici di Fiorano Modenese.

Tanti gli ospiti fra cui Dario Vassallo, fratello del Sindaco pescatore di Pollica Angelo Vassallo, che ha ricevuto la cittadinanza onoraria del Comune di Fiorano Modenese l’11 marzo con una motivazione che può riguardare tutti noi:

Il dott. Dario Vassallo può essere dunque considerato l’esempio di un cittadino qualunque che, toccato all’improvviso da una tragedia famigliare, trasforma la propria vita in un impegno pubblico assiduo e totalizzante, mettendo coraggiosamente al primo posto la legalità e la giustizia, la loro affermazione in un contesto difficile e pieno di ombre. Al termine della cerimonia si è tenuto lo spettacolo teatrale “Il Sindaco pescatore” con Ettore Bassi che ripercorre la storia di Angelo Vassallo.

Gli incontro di approfondimento sono stati incentrati sul narcotraffico, sul le nuove sostanze psicoattive, sullo sport e sul tema delle ludopatie e di come uno strumento di apprendimento possa diventare un pericolo sociale. Non sono mancate la camminata e la 5° pedalata contro le mafie, così come gli appuntamenti per gli studenti fra cui lo spettacolo teatrale “Da grande voglio fare il mafioso” dedicati ai fatti avvenuti a Serramazzoni e al Processo Teseo, la proiezione del film “Fortapasc” che ripercorre la vita del giornalista Giancarlo Siani ucciso dalla Camorra nel 1985 e nuove azioni del progetto di riqualificazione urbana “Rigenerazione legale” curato dall’associazione studentesca “Renovatio Crew” del Liceo Formiggini.

Programma della quinta edizione

21 MARZO - 9 MAGGIO & 19 OTTOBRE 2018 5 GENNAIO 2019 , la quarta edizione

La quarta edizione del GAL si è svolta in due periodi dell’anno: il primo fra il 21 marzo e il 9 maggio mentre il secondo fra ottobre 2018 e gennaio 2019 .

Un calendario ricco di appuntamento fra progetti scolastici rivolti alle scuole primarie e secondarie inferiori e superiori, incontri con testimoni e con le Forze dell’Ordine sul tema del gioco d’azzardo, rassegne cinematografiche, spettacoli teatrali e azioni concrete.

Tra i tanti ospiti, l’Auditorio Ferrari di Maranello ha accolto il 20 novembre anche Leonardo Guarnotta, ex Presidente del Tribunale di Palermo che insieme a Giovanni Falcone, Paolo Borsellino e Giovanni Di Lello ha istituito il maxiprocesso occupandosi principalmente degli aspetti finanziari legati alla criminalità organizzata.

Fra queste spezzano due riqualificazioni urbane a Fiorano e Maranello. La prima riguarda l’intitolazione del cortiletto Angelo Vassallo a fianco della centrale Piazza Menotti a cura dell’associazione studentesca “Yes we care” del Liceo Formiggini di Sassuolo, mentre la seconda ha portato alla realizzazione di numerosi murales della legalità, realizzati da Neko, Hang, Maik, Psikoplanet, Signora K, Mr Dada e Tackle Zero, protagonisti di una passeggiata tematica su impegno, giustizia e valori.

Il Centro Giovani di Maranello, in occasione dei 40 anni dall’uccisione di Peppino Impastato ha ricordato il giornalista ucciso il 9 maggio del 1978 realizzando un pannello con affisse 100 scarpe come simbolo all’omonimo film “I cento passi”.

All’interno dell’edizione hanno trovato spazio anche un focus sullo sport come strumento di educazione alla legalità con un panel che ha visto gli interventi di Francesco Magnanelli, Alessandro Lambruschini, Franco Bertoli, Andrea Catellani e Adriana Serra Zanetti, e uno sul ruolo del giornalista e della buona informazione per educare costantemente al valore della legalità con ospiti Gabriele Franzini, Sabrina Pignedoli e l’avvocato Valerio Vartolo.

Programma della quarta edizione

Slide
Slide
Slide
Slide
Slide
Slide
Slide
Slide
previous arrow
next arrow
Slide
Slide
Slide
Slide
previous arrow
next arrow

4 APRILE - 23 MAGGIO 2017, la terza edizione

Incontri, cinema e grandi ospiti hanno contraddistinto la terza edizione del GAL, culminata il 20 Aprile con l’incontro fra amministratori e studenti delle scuole con lo scrittore Roberto Saviano al PalaPaganelli di Sassuolo.

Saviano, che vive sotto scorta da 15 anni dopo le minacce di morte ricevute da parte dei cartelli camorristici del clan dei casalesi a seguito della pubblicazione del suo Gomorra, ha raccontato la sua esperienza e l’impegno che porta avanti in prima linea da molto tempo e di tutto ciò a cui ha rinunciato in nome della legalità e della necessità di denunciare e fare memoria continuamente di ciò che accade intorno a noi.

Ciò che hanno fatto anche gli autori del sito Mafie sotto casa, protagonisti di uno degli incontri di apertura del 4 aprile che hanno mappato il territorio emiliano-romagnolo segnando luoghi, atti intimidatorio, denunce e protagonisti: “Spesso - spiegano gli autori - quando si parla di criminalità organizzata si pensa a luoghi lontani da noi. Ma non è così: noi, la mafia, ce l’abbiamo sotto casa”.

Oltre al conosciutissimo scrittore, altri due grandi ospiti sono intervenuti al GAL: Don Luigi Ciotti che il 5 maggio ha ricevuto dal Consiglio Comunale di Fiorano la cittadinanza onoraria per il suo impegno costante contro le mafie e in favore della legalità e Rocco Chinnici. Don Ciotti ha incontrato prima gli studenti delle scuole fioranesi e in seguito tutta la comunità del Distretto, mentre Chinnici ha incontrato gli studenti delle scuole medie e superiori di Maranello raccontando il clima di Palermo negli anni in cui fu ucciso suo padre. Chinnici, oggi avvocato, è figlio di Rocco, il Consigliere Istruttore del Tribunale di Palermo ucciso nel luglio del 1983 con un’autobomba per aver apertamente sfidato Cosa Nostra, pagando con la vita il prezzo della sua grande onestà.

Non sono mancati gli appuntamenti cinematografici all’interno delle rassegne “CineLegalità” e “Non si vede bene che con il cuore” che promuovono l’incontro con personalità che lavorano a stretto contatto con la propria comunità per migliorarne l’inclusione e la trasparenza, così come gli atti concreti fra cui la piantumazione a Maranello di alcuni alberi in contrasto simbolico alle azioni delle cosiddette ecomafie, la terza pedalata contro le mafie, la camminata riflessiva “Soffia il vento della legalità” e l’intitolazione di una via nel Comune di Formigine a Pio La Torre, politico sindacalista siciliano ucciso a Palermo nel 1982.

Tra gli altri temi trattati all’interno della terza edizione, ha trovato ovviamente spazio il Processo Aemilia, narrato dal professor Enzo Ciconte, il tema del gioco d’azzardo con Matteo Iori, presidente del “Coordinamento Nazionale gruppi per Giocatori d’Azzardo” che ha racontato come la criminalità organizzata sia inserita all’interno di questo fenomeno sociale.

Programma della terza edizione

1-10 APRILE 2016, la seconda edizione

Dopo l'entusiasmo del primo anno, il programma della seconda edizione del GAL ha contato circa 20 di appuntamenti nei 5comuni, tra incontri, conferenze, laboratori, film, musica, teatro, testimonianze e mostre.

Martedì 5 Aprile 2016 ha avuto come ospite Michele Ammendola , testimone di giustizia e presidente del comitato Iolotto. Ammendola, venuto a mancare il giorno 8 gennaio 2022, era
conosciuto in tutta Bologna come il vulcanico animatore della Pizzeria-Etica Porta Pazienza del quartiere Pilastro.

Con il Senatore Stefano Vaccari, l’Assessore alla Legalità del Comune di Bologna Nadia Monti e il testimone Pasquale Rescigno, i primi appuntamenti si sono concentrati sul contrasto al gioco d'azzardo. Il secondo focus dell'edizione è stato dedicato a Lea Garofalo,

personaggio poco noto, ma con una bellissima storia di resistenza e disobbedienza alla 'ndrangheta.  A lei è stata dedicata la testimonianza di un gruppo di ragazzi del del liceo Formiggini di Sassuolo e a conclusione della serata è stato proiettato il film Lea di Marco Tullio Giordana, a Formigine inoltre è stato ospitato  lo spettacolo teatrale sulla vita di Lea Garofalo “La Bastarda. Una vita coraggiosa”.

Nel corso di questa edizione del festival inoltre grande attenzione al cinema e alle proiezioni di film. Oltre alla pellicola di Giordana è stata ripercorsa la storia della testimone di giustizia Rita Atria, con il film di Marco Amenta La siciliana ribelle e il racconto delle sventure di una famiglia collusa con la 'ndrangheta, con il film Anime Nere di Francesco Munzi (9 David di Donatello).

Nei giorni del festival, inoltre, con il laboratorio “(IN)Canto Civile”, i ragazzi dai 12 ai 15 anni hanno potuto sperimentare un progetto di scrittura creativa e collettiva e musica d'insieme. Tra i laboratori dedicati ai ragazzi anche un'attenzione particolare alla musica con "RapWork violenza paura e libertà live", “Rap Lab4GAL”, laboratorio di scrittura e comprensione di un testo hip hop, e “Music is my Radar: The Message 2.0”, serata sul messaggio politico nell’hip-hop degli ultimi dieci anni, a cura di Radio Antenna 1.

L’iniziativa “Stop Biocidio – Il più grande disastro ambientale del mondo civile” ha portato sul nostro territorio anche Marzia Caccioppoli presidente associazione “Noi genitori di Tutti”, Stefano Ciafani presidente nazionale Legambiente, Antonio Marfella oncologo del Pascale e presidente dell’Isde Campania, Sandro Ruotolo giornalista e premio personaggio Legambiente dell’anno, Nello Trocchia giornalista e scrittore. Tra le iniziative più audaci anche la cena-racconto “Facciamo un pacco alla Camorra”, in collaborazione con Nuovo Commercio Organizzato e Associazione Iolotto.

Tra gli ospiti di questa edizione Enza Rando (avvocato dell'Associazione Libera), Cinzia Franchini, presidente nazionale di Fita/Cna, Enzo Ciconte che ha curato il corso di formazione per amministratori e dirigenti della pubblica amministrazione “Infiltrazioni mafiose e corruzione: cosa succede in Emilia-Romagna?”.

Programma della seconda edizione

Slide

Michele Ammendola conosciuto a Bologna per la su aPizzeria-Etica Porta Pazienza. Etica perché utilizza solo ingredienti e prodotti provenienti da terre confiscate alle mafie. L’idea che regge il progetto è quella che il cittadino comune comprando una semplice pizza possa alimentare un circuito di lavoro virtuoso e pulito, facendo così la sua parte nella società civile e legale.

Slide
Slide
Slide
Slide
Slide
Slide
Slide
previous arrow
next arrow
Slide
Slide
Slide
Slide
Slide
Slide
Slide
Slide
Slide
Slide
Slide
Slide
La performance di Zamoc e Mao&Sam
a conclusione della prima edizione del festival
previous arrow
next arrow

8-12 APRILE 2015, la prima edizione

5 giorni di eventi per la prima edizione del GAL, che con una serie di appuntamenti e incontri ha portato all'attenzione della comunità del Distretto Ceramico, la tematica dell'attenzione alla legalità e alla lotta alle criminalità organizzate.

Tanti eventi accolti con entusiasmo e partecipazione da parte della popolazione che ha apprezzato la varietà dell'offerta culturale e della ventata di creatività arrivata nel distretto con le opere di street art di Zamoc e Mao&Sam. In programma, oltre agli incontri anche visioni di film e la simbolica pedalata contro le mafie.

Molto bella e significativa la partecipazione dei più giovani alle attività  grazie alla collaborazione con le associazioni giovanili del territorio che hanno aderito con entusiasmo alla prima edizione del GAL con eventi dedicati, quali l'aperitivo musicale e con i prodotti tipici sicilini in collaborazione con Libera, le attività del Consiglio Comunale dei ragazzi, nonché le attività didattiche dedicate che si sono svolte a scuola. Tra cui l'incontro con l'atleta azzurro, e poi coordinatore sport di Libera Sicilia, Rachid Berradi.

Tra gli ospiti della prima edizione anche Enzo Ciconte, docente di Storia della criminalità organizzata e Rosy Bindi, che ricopriva il ruolo di presidente della Commissione Parlamentare Antimafia.

Programma della prima edizione

Confrontiamoci

Vuoi sapere di più sul GAL? Ti piacerebbe avere altre informazioni sulle attività GAL? Vuoi condividere con noi le tue impressioni? Proporre un nuovo progetto? Compila il form qui sotto!